16 – 25 Ottobre 2020

Si precisa che la nostra società non è collegata in alcun modo con la società che organizza Eurochocolate, ma propone e organizza in totale autonomia i viaggi per visitare la manifestazione

Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato

 

Se siete amanti del cioccolato e dei film fantasy, sicuramente avrete visto Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato, ma nel caso non lo aveste ancora visto, fatelo! Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato è la storia di Charlie Buchet, bambino povero la cui famiglia non può permettersi nemmeno una tavoletta di cioccolato. Il giorno del suo compleanno Charlie riceve in regalo una tavoletta di cioccolato e proprio in quei giorni, Willy Wonka strampalato personaggio del film, indice un concorso: chi troverà uno dei cinque biglietti d’oro nascosti nelle sue tavolette di cioccolato potrà visitare la fabbrica. Chi sarà il fortunato vincitore? A voi scoprirlo..

16 curiosità su Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato

1. La prima versione del fim uscì nel 1971 diretto dal regista Mel Stuart, mentre nel 2005 Tim Burton, celebre regista di film dal tono fiabesco-gotico, diede vita ad un remake un po’ meno tragico.Vi starete chiedendo dove sta la tragedia e la risposta la trovate esattamente qui: nella prima versione i bambini golosi non uscirono dalla fabbrica; che fine avevano fatto? Erano morti per i troppi dolci ingurgitati o erano stati messi a lavorare con gli Oompa Loompa? Nella seconda versione, seppur malridotti e deformati, erano usciti ognuno sulle proprie gambe e avevano imparato un’importante lezione: non appropriarsi delle cose altrui.

2. La fabbrica di cioccolato nacque nel 1964 come romanzo, solo in seguito si pensò alla produzione televisiva.

3. Roald Dahl, lo scrittore, non apprezzò però il film che dava troppa enfasi a Willy Wonka e non a Charlie, vero protagonista. Dite la verità, anche voi pensavate che il protagonista fosse Willy Wonka!

4. Johnny Deep non fu l’unico attore famoso a fare il provino per il film, infatti anche Jim Carrey, Nicolas Cage, Michael Keaton, Robin Williams e Christopher Walken ci provarono. Fu Tim Burton a decidere che Johnny Deep era perfetto per quel ruolo, come dargli torto.

5. Durante le riprese le due piccole attrici che impersonavano Veruca e Violetta si erano prese una bella cotta per Charlie, tanto da alternarsi per stare vicino a lui sul set!

Oompa Loompa6. Julie Alba Cole, ovvero Veruca Salt, la bambina viziata che voleva assolutamente uno scoiattolo, ammise di odiare il cioccolato e riuscì a portare via dal set diversi oggetti del film, tra cui: il famoso biglietto d’oro, delle caramelle e una tavoletta di cioccolato.

7. I 40 scoiattoli non erano frutto di effetti speciali, bensì scoiattoli veri addestrati dalla loro nascita sino all’età di sei mesi, a rompere noci. Per girare quella particolare scena ci sono volute ben 10 settimane di riprese, oltre 2 mesi!

8. Alcune delle reazioni dei bambini che si vedono nel film sono assolutamente naturali, per esempio lo stupore appena entrati nella fabbrica. Del resto come non rimanere a bocca aperta davanti ad un posto così spettacolare?

9. Una parte dei dolciumi nella stanza del cioccolato erano commestibili, anche i lecca lecca giganti! Per lo staff resistere ad una tale tentazione sarà stata un’impresa non indifferente.

10. Sono state realizzate ben 110.000 caramelle, per quelle commestibili era stato siglato un accordo speciale con Nestlè.

Esterni della Fabbrica di Cioccolato11. L’immagine dell’apertura della fabbrica è stata girata in una vera fabbrica del cioccolato che si trova in Svizzera, così come la scena dell’intervista ad Augustus Gloop che è stata registrata in un vero ristorante tedesco, un locale in cui il cast aveva pranzato. Mentre per quanto riguarda l’esterno della fabbrica di cioccolato, si trova a Monaco di Baviera.

12. Ernst Ziegler, il nonno di Charlie, era reduce della prima guerra mondiale e a causa di alcuni gas velenosi rimase quasi cieco. Per guidarlo sul set usarono una luce rossa che gli indicava il percorso da seguire.

13. Il fiume di cioccolato era fatto veramente di cioccolato!

14. Nella versione originale del film gli Oompa Loompa erano interpretati da più persone, mentre nel remake di Tim Burton l’attore Deep Roy venne clonato più volte grazie agli effetti speciali.

15. Nella prima versione del film, il padre di Willy Wonka non c’era, fu poi creato appositamente per il remake di Tim Burton.

16. Più eclatante è il fatto che per la capigliatura di Willy Wonka si fossero ispirati al celebre caschetto di Anna Wintour, direttrice di Vogue, da cui presero in prestito anche i famosi occhiali.