16 – 25 Ottobre 2020

Si precisa che la nostra società non è collegata in alcun modo con la società che organizza Eurochocolate, ma propone e organizza in totale autonomia i viaggi per visitare la manifestazione

Sanguinaccio al cioccolato

 

Il sanguinaccio di cioccolato è un dolce di origini napoletane che racchiude, all’interno del nome stesso, l’antico ingrediente principale, che dava quel caratteristico retrogusto acidulo alla crema di cioccolato, il sangue di maiale.

Il sanguinaccio, il dolce delle credenze popolari

Per preparare il sanguinaccio, si raccoglieva il sangue durante la macellazione, che doveva essere continuamente mescolato per evitarne la coagulazione. Poi, veniva filtrato e aggiunto alla crema di cacao, insieme a caffè, cacao, cannella, chiodi di garofano, uva passa e zucchero, per addolcire il tutto.

Per comprendere al meglio la storia del sanguinaccio e del suo forte legame con le credenze popolari napoletane, bisogna da chiedersi: “Perché proprio il maiale?” Le credenze popolari attribuivano al sangue del maiale, oltre alle riconosciute proprietà nutritive, anche caratteristiche terapeutiche e curative per problemi legati ad anemie e mancanza di ferro nelle donne gravide o durante il ciclo mestruale. Usanza, questa, che è stata abolita nel 1992, al fine di evitare la trasmissione di infezioni e malattie tramite il sangue.

Sanguinaccio a fetteIl maiale è anche un simbolo legato a diverse leggende e iconografie. Per guarire il “fuoco di San’Antonio”, ad esempio, in passato si applicava l’applicazione del grasso di maiale, motivo per cui il Santo sarebbe raffigurato con l’animale.

Di generazione in generazione, quindi, è stata tramandata la tradizione del “maialino sacro”, tant’è che a Napoli non era inusuale avere un maiale sul balcone o legato con una corda alla porta dell’abitazione, in modo che potesse razzolare in strada mangiando i rifiuti.

Il sanguinaccio a carnevale: la ricetta

Come per ogni dolce che si rispetti, ecco la ricetta, per poter provare a prepararlo a casa.

Ingredienti:

  • 500 ml di latte fresco

  • 250 gr di zucchero

  • 75 gr di cacao amaro

  • 50 gr di cioccolato fondente a pezzetti

  • 40 gr di farina

  • 1 cucchiaino colmo di cannella in polvere

  • 1 bustina di vanillina

  • 50 gr di gocce di cioccolato

Preparazione:

  1. In un pentolino, versare ed amalgamare con cura lo zucchero, il cacao amaro e la farina con la cannella.

  2. Aggiungere il latte, versandolo un po’ per volta, e la vanillina.

  3. Con una frusta, mescolare il tutto, facendo attenzione che non si formino grumi.

  4. Cuocere, a fuoco lento, i vari ingredienti, fino a quando non si sono addensati.

  5. Preparazione del sanguinaccioAggiungere i pezzetti di cioccolato, mescolando.

  6. Non appena la crema raggiunge la giusta densità, versare il sanguinaccio al cioccolato in una ciotola di vetro, coprendola con la pellicola trasparente.

  7. Lasciar raffreddare il dolce, per poi servirlo a parenti e amici.

Certo, per alcuni l’unica vera ricetta rimane quella con il sangue, e le altre sono semplici “imitazioni”, ma diciamocelo, il sanguinaccio è uno di quei peccati di gola che è vietato farsi sfuggire. Specie a carnevale, periodo nel quale “tutto è concesso”, prima della Quaresima e della rinuncia all’eccesso, tra cui per qualcuno anche il cioccolato. E allora che se ne approfitti, anche perché a carnevale… ogni dolce vale!